La guerra valutaria inversa

Le guerre valutarie divampano di tanto in tanto, di solito durante i momenti di tumulto economico. In genere coinvolgono paesi che lottano per un vantaggio competitivo nelle esportazioni abbassando le loro valute. Ciò che è meno comune è la cosiddetta guerra valutaria inversa. L’effetto collaterale delle politiche delle banche centrali per combattere l’inflazione potrebbe proprio essere una guerra valutaria inversa.

Attualmente, il forte rialzo del dollaro mentre la Fed persegue il suo ciclo di aumenti dei tassi più aggressivo in ​​quasi 30 anni sta ponendo sfide alle valute di tutto il mondo.

la guerra valutaria inversa: l'indice del dollaro americano

Cos’è una guerra valutaria?

Se la valuta di un paese si deprezza rispetto ad altre valute, ciò può aiutare la sua economia. Le sue esportazioni diventano più economiche rispetto a quelle dei concorrenti, aumentando la domanda dall’estero. Allo stesso tempo, i prezzi di importazione più elevati stimolano il consumo interno di prodotti e servizi locali.

Si pensa che un ciclo di svalutazioni competitive abbia aggravato la Grande Depressione iniziata nel 1929, con i paesi che hanno lasciato il gold standard per indebolire le loro valute.

Nei primi anni di questo secolo, gli Stati Uniti e altri paesi sviluppati si sono lamentati del fatto che la Cina stesse deprimendo il valore della sua valuta per aumentare le esportazioni. Tuttavia l’espressione “guerra valutaria” (currency war) è stata resa popolare solo intorno al 2010, quando l’allora ministro delle finanze brasiliano, Guido Mantega, ha accusato le nazioni più ricche di svalutare le loro valute per stimolare le economie ancora vacillanti dalla crisi finanziaria.

Cos’è una guerra valutaria inversa?

E’ l’opposto di una guerra valutaria. Rappresenta una situazione in cui i paesi lavorano per rafforzare la loro valuta. Piuttosto che stimolare la crescita, l’obiettivo è domare l’inflazione. Infatti, una valuta più forte fa si che le importazioni siano relativamente più economiche.

Mentre il dollaro è salito al livello più alto degli ultimi vent’anni, l’euro, ad esempio, è sceso al minimo in cinque anni. Anche la sterlina e la maggior parte delle altre valute major sono crollate.

la guerra valutaria inversa: le valute del G10 contro il dollaro

Una valuta più forte frena davvero l’inflazione?

La misura in cui la forza della valuta pesa sull’inflazione dipende dalle circostanze. Il grado in cui le variazioni del tasso di cambio influiscono sull’inflazione core, che esclude fattori volatili come cibo ed energia, è chiamato tasso pass-through. In alcuni precedenti periodi di forza del dollaro, il pass-through rate è stato marginale. Ma alcuni economisti sostengono che potrebbe essere più alto durante i periodi di elevata inflazione.

Nel 2020, quando l’inflazione è stata contenuta, ci si aspettava che un aumento del 10% del valore del dollaro avrebbe frenato gli aumenti del CPI di circa mezzo punto percentuale. Tuttavia, all’attuale ritmo di inflazione i coefficienti pass-through potrebbero essere più del doppio, avvicinandosi a un intero punto percentuale.

Le banche centrali e i tassi di cambio

Le banche centrali sono caute nel fare o dire qualsiasi cosa che possa essere interpretata come un tentativo di gestire direttamente i tassi di cambio. Il Tesoro degli Stati Uniti ha spesso etichettato alcuni partner commerciali come manipolatori di valuta.

La Fed, da parte sua, sottolinea che il suo obiettivo nell’aumentare i tassi di interesse è combattere l’inflazione frenando la domanda piuttosto che rafforzare il dollaro. Il presidente della Fed Jerome Powell ha affermato che l’impegno della banca centrale per la stabilità dei prezzi ha rafforzato la fiducia nel dollaro come riserva di valore.

Mentre le controparti globali della Fed hanno storicamente avuto la tendenza a non essere troppo esplicite sulle questioni valutarie, alcune di loro stanno diventando sempre più dirette sul legame tra tassi di cambio e inflazione.

Cosa è cambiato?

Alcune banche centrali precedentemente note per aver utilizzato l’intervento diretto sui cambi per indebolire le proprie valute stanno ora facendo il contrario. La Banca nazionale svizzera, che storicamente ha agito sui mercati valutari per indebolire il franco, ha consentito alla sua valuta di rafforzarsi quest’anno. A giugno ha dichiarato che avrebbe preso in considerazione la vendita di valuta estera se il franco si fosse indebolito eccessivamente.

Il presidente della BNS Thomas Jordan ha riconosciuto la forza del franco come uno dei motivi per cui in Svizzera l’inflazione è inferiore rispetto all’Eurozona o agli Stati Uniti.

Il funzionario della Banca centrale europea Francois Villeroy de Galhau, nel frattempo, ha affermato che un euro troppo debole andrebbe contro l’obiettivo di stabilità dei prezzi. Catherine Mann della Bank of England è andata ancora oltre, sottolineando come un ritmo più rapido di inasprimento potrebbe sostenere la sterlina.

C’è chi vince e chi perde

I vincitori di una guerra valutaria inversa sono i paesi la cui valuta si è apprezzata, con i prezzi interni leggermente mitigati per effetto del maggiore potere d’acquisto. Ci sono però molti perdenti, comprese le multinazionali, le nazioni che dipendono dalle esportazioni e le economie emergenti.

Alcune società statunitensi come Salesforce Inc. e Costco Wholesale Corp. hanno sollevato lamentele sull’aumento del dollaro. Questo perché un biglietto verde più forte riduce il valore delle entrate estere di quelle società. Inoltre, rende i loro prodotti meno competitivi poiché i prezzi aumentano in termini di valuta locale, riducendo la domanda.

Per le economie in via di sviluppo c’è il rischio che i debiti in dollari statunitensi pagati con una valuta locale in deprezzamento possano metterli in pericolo finanziario.

Il grande outlier

Il Giappone sembra giocare secondo le vecchie regole della guerra valutaria. Il governatore della Bank of Japan Haruhiko Kuroda ha mantenuto i rendimenti ancorati al minimo nel tentativo di stimolare l’economia. Ciò ha spinto lo yen al minimo in 24 anni, scendendo di oltre il 15% quest’anno nei confronti del dollaro.

la guerra valutaria inversa: il tasso di cambio USD/JPY

A metà giugno, in vista dell’ultimo incontro politico della BOJ, Kuroda ha leggermente cambiato posizione, segnalando che la banca centrale stava osservando la valuta. Il governatore ha ammesso che il brusco calo dello yen non è stato vantaggioso per l’economia del paese ma continua a sostenere che la BOJ non ha nessuna intenzione di cambiare la sua politica.

ARTICOLI CORRELATI:

Banche centrali: come stanno influenzando i mercati finanziari?

La debolezza dello yen: quali sono i livelli chiave

Euro verso la parità con il dollaro

Gli effetti di un dollaro forte su economia e finanza

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.
Cookie Policy