Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

I prezzi al consumo di dicembre sorprendono al rialzo

L’inflazione statunitense ha accelerato alla fine del 2023, alimentata dai costi dei servizi persistenti, mentre il calo prolungato dei prezzi dei beni si è esaurito. Secondo i dati del governo, l’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 3,4% su base annua a dicembre, il massimo in tre mesi. È inoltre aumentato più del previsto su base mensile poiché i costi delle case hanno continuato a salire e i prezzi dell’energia sono aumentati per la prima volta da settembre. Il CPI core è aumentato del 3,9% su base annua e dello 0,3% rispetto al mese precedente.

indice CPI USA prezzi consumo dicembre

La preoccupazione che deve crescere nella mente della Fed a questo punto è che ora stiamo ottenendo meno disinflazione dai prezzi dei beni e dell’energia mentre dobbiamo ancora vedere una riduzione misurabile dell’inflazione nel settore immobiliare e nella maggior parte dei servizi. Ciò suggerisce che il compito della Fed di riportare l’inflazione verso il target non è ancora terminato. L'”ultimo miglio” del percorso potrebbe essere difficile. Gli indici dei prezzi rischiano di rimanere elevati nei prossimi mesi se queste tendenze continuano.

Nonostante ciò, le cifre concludono un anno in cui l’inflazione è rallentata, ponendo le basi per la Fed per ridurre i costi di finanziamento quest’anno. Le ultime proiezioni della banca centrale mostrano tre tagli dei tassi nel 2024. Il prossimo incontro dei funzionari della Fed è previsto per la fine di questo mese.

Gli operatori hanno visto una sessione volatile dopo l’uscita dei prezzi al consumo di dicembre. L’S&P 500 ha oscillato tra guadagni e perdite. I rendimenti del decennale statunitense si sono aggirati intorno al 4%. Gli swap della Fed hanno scontato un minore allentamento monetario nel 2024. Bitcoin ha ridotto i guadagni dopo aver raggiunto i 49.000 dollari, con l’inizio delle negoziazioni per i primi fondi negoziati in borsa che investono direttamente nella criptovaluta.

Scomponiamo l’indice dei prezzi al consumo di dicembre

I beni primari, che escludono energia e cibo, sono aumentati sorprendentemente. Gran parte dell’aumento è venuto dalla ripresa dei prezzi delle auto usate e dell’abbigliamento, nonostante l’attività promozionale di fine anno. L’impulso disinflazionistico dei beni primari è stato un fattore chiave per l’allentamento della pressione sui prezzi negli ultimi mesi.

Per quanto riguarda i servizi, i costi per l’abitazione e l’assicurazione automobilistica hanno registrato l’aumento su base annua maggiore dal 1976. I prezzi degli alloggi, che costituiscono circa un terzo del CPI complessivo, hanno contribuito a più della metà dell’aumento dell’indice. Gli economisti vedono in una moderazione prolungata in questa categoria la chiave per riportare l’inflazione core al target della Fed.

Escludendo l’edilizia abitativa e l’energia, i prezzi dei servizi core sono aumentati dello 0,4% da novembre, in leggero calo rispetto al mese precedente. Sebbene il presidente della Fed Jerome Powell e i suoi colleghi abbiano sottolineato l’importanza di considerare tale parametro quando si valuta la traiettoria dell’inflazione statunitense, la calcolano sulla base di un indice separato.

Questa misura, nota come indice dei prezzi delle spese per consumi personali, non attribuisce ai prezzi delle automobili lo stesso peso dell’indice dei prezzi al consumo. Questo è uno dei motivi per cui gli economisti non ritengono che l’indicatore core PCE aumenterà nella stessa misura quando verrà pubblicato alla fine di questo mese. La pubblicazione di venerdì dell’indice dei prezzi alla produzione fornirà ulteriori indizi, poiché diverse categorie all’interno di tale rapporto confluiscono direttamente nel calcolo del PCE.

Guardando al futuro

Si prevede che quest’anno l’inflazione diminuirà ulteriormente verso l’obiettivo del 2% della Fed, soprattutto perché si prevede un calo dei costi immobiliari. Tuttavia, altri fattori, come l’aumento dei costi di spedizione dovuto agli attacchi nel Mar Rosso e il basso livello dell’acqua nel Canale di Panama, minacciano di interrompere i progressi nella deflazione delle merci. Un’escalation della guerra in Medio Oriente potrebbe esercitare pressioni al rialzo sui prezzi del petrolio. Tuttavia, i consumatori statunitensi sono diventati più ottimisti riguardo alle prospettive di inflazione, con diversi parametri delle aspettative a breve termine che sono scesi ai livelli più bassi dall’inizio del 2021.

Per quanto riguarda la politica della Fed, il rapporto sui prezzi al consumo di dicembre rafforza l’idea che il mercato sia diventato un po’ troppo ottimista sui tempi dei tagli dei tassi. La prima riduzione potrebbe arrivare più tardi di quanto i mercati stiano scontando.

Loretta Mester, presidente della Federal Reserve di Cleveland, ha affermato che a marzo sarà probabilmente troppo presto per abbassare i tassi. Il suo omologo di Richmond, Thomas Barkin, ha ribadito che sta ancora cercando ulteriori prove che l’inflazione si stia dirigendo verso l’obiettivo.

ARTICOLI CORRELATI:

Svolta accomodante della Fed: la lotta all’inflazione è stata vinta?

I mercati festeggiano il rallentamento dell’inflazione

Quanto è difficile misurare l’inflazione?

Perché l’inflazione è così persistente?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.