Quanto vale Bitcoin? Le tecniche per dare un prezzo a BTC

La valutazione del Bitcoin può essere difficile in quanto si tratta di una classe di attività distinta rispetto alle normali azioni. Gli approcci di valutazione tradizionali, come i multipli PE e l’analisi basata sugli utili, potrebbero non applicarsi direttamente al Bitcoin. Di conseguenza, investitori e

Scopri

Il crollo di Adani Group cancella 74 miliardi di dollari

Il crollo di Adani Group, scaturito dalle accuse di frode di Hindenburg Research, è entrato nella sua quarta sessione. Nonostante la dimostrazione di sostegno da parte di un investitore chiave, le perdite hanno raggiunto i 74 miliardi di dollari. Le azioni della maggior parte delle

Scopri

Tesla: gli utili del quarto trimestre battono le stime

Tesla ha registrato profitti migliori del previsto nell’ultimo trimestre, anche se ha fornito segnali contrastanti sulle prospettive di crescita delle consegne di veicoli. Gli utili del quarto trimestre di Tesla battono le stime, attestandosi a $ 24,3 miliardi. I margini lordi del settore automobilistico, tuttavia,

Scopri

NYSE: interruzione del trading dopo un problema tecnico

Un’interruzione del trading per alcuni titoli quotati sul NYSE ha fatto venire i brividi a Wall Street poiché dozzine di società ad alta capitalizzazione sembravano cancellare miliardi di dollari di valore di mercato senza una ragione apparente. Il trading è stato interrotto nei primi 30

Scopri
Investire sugli Oscar 2023

Investire sui vincitori agli Oscar 2023

Negli ultimi 10 anni, un investitore che avesse investito nella società pubblica che possedeva il distributore del film vincitore il mese prima della premiazione e avesse venduto un mese dopo, avrebbe avuto un guadagno medio del 7,6%.
Tuttavia, indovinare quale film vincerà è difficile e spesso non c’è modo di investire nella distribuzione del film.
Anche se gli investitori scelgono il film giusto, non c’è garanzia di successo: il 40% delle volte la società pubblica che ha distribuito il film vincitore è rimasta indietro rispetto all’S&P 500.

Scopri

I segnali di capitolazione per individuare la fine del mercato ribassista sono difficili da trovare

Trovare segni di capitolazione a Wall Street mentre le azioni rimbalzano sta diventando sempre più difficile. Dopo una furiosa ondata di vendite e una ridotta propensione al rischio, il mercato azionario ha messo in scena un grande rimbalzo, con l’S&P 500 in rialzo di oltre il 6% in due giorni.

La capitolazione a Wall Street è molto simile alla capitolazione altrove: è una situazione in cui gli investitori si arrendono e vendono tutto. In poche parole, la capitolazione inizia quando il mercato continua a scendere per un po’ di tempo. Quando le perdite diventano troppo difficili da sopportare, gli investitori capitolano vendendo le loro partecipazioni. Il panic-selling porta sua volta a un calo ancora più forte dei prezzi.

Il culmine della capitolazione coincide con il bottom del mercato e, a posteriori, si rivela un ottimo momento per acquistare azioni. Logicamente, quando tutti corrono verso l’uscita, a vendere azioni rimane solo un piccolo gruppo di trader. In questo modo, si forma una specie di pavimento per il mercato.

Come si riconosce la capitolazione?

Uno degli indicatori di capitolazione è il volume di scambio molto elevato, che elimina gli investitori con una minore propensione al rischio lasciando solo le cosiddette “mani di diamante”, ovvero gli investitori che hanno la forza di continuare a detenere una posizione estremamente rischiosa.

Altri segni di capitolazione sono il rimbalzo del prezzo dopo che il panic selling ha fatto il suo corso e il raggiungimento di estremi negativi negli indicatori di sentiment degli investitori. Molti strumenti sono stati progettati per misurare il sentiment in modo da valutare i segni di capitolazione degli investitori. Essi utilizzano delle metriche sul posizionamento, il volume degli scambi e la volatilità.

Il bottom del mercato è quasi impossibile da prevedere. Spesso, gli investitori non riescono neanche a notare che il minimo è già stato raggiunto. Quindi la capitolazione può essere osservata solo con il senno di poi e non esistono segnali definitivi per riconoscerla.

Perché gli investitori capitolano?

Quando si tratta di panic selling, entrano in gioco i pregiudizi comportamentali. Il primo tra tutti è il recency bias, il pregiudizio del passato più recente. Quando cerchiamo di prevedere cosa accadrà in futuro, la nostra mente estrapola ciò che è accaduto di recente. Questo avviene perché il nostro cervello riesce a ricordare più facilmente quello che è appena accaduto rispetto a ciò che è accaduto in passato.

Sebbene questa scorciatoia funzioni bene nella vita di tutti i giorni, può farci attribuire un’importanza eccessiva agli eventi recenti quando prendiamo decisioni di investimento. Ad esempio, quando il nostro portafoglio scende del 10%, il recency bias ci fa pensare che continuerà a scendere.

La capitolazione è stata raggiunta?

Misurare lo stato di capitolazione è diventato il passatempo di Wall Street negli ultimi tempi, dopo che un crollo di nove mesi ha spazzato via $ 15 trilioni di valore. Mentre Deutsche Bank vede il posizionamento depresso come motivo di un potenziale rally di fine anno, Bank of America ha affermato che il sentiment ha ancora spazio per peggiorare.

Tra gli hedge fund seguiti da Morgan Stanley, la leva netta (un indicatore della propensione al rischio che tiene conto delle posizioni long rispetto a quelle short) ha toccato il minimo in 13 anni la scorsa settimana. Nel frattempo, i Commodity Trading Advisors hanno visto il loro posizionamento azionario avvicinarsi al minimo visto al culmine della crisi finanziaria globale, secondo i dati di JPMorgan.

Allo stesso tempo, l’allocazione azionaria delle famiglie statunitensi si attesta al 39%, un livello ancora storicamente alto. Ciò suggerisce che le famiglie hanno ancora spazio per tagliare la loro proprietà azionaria.

proprietà azioni allocazione famiglie stati uniti

In chiusura del mese di settembre, quando le azioni sono crollate a nuovi minimi, la corsa all’uscita era per lo più assente. Anche se gli investitori al dettaglio, sulla base delle stime di JPMorgan, hanno scaricato singoli titoli al ritmo più veloce nei dati risalenti al 2015, non c’è stato alcun segno di panic selling. Il volume degli scambi ha superato i 12 miliardi di azioni venerdì, rispetto ai 19 miliardi a metà giugno.

Anche la reazione del VIX, noto come l’indicatore della paura di Wall Street, è stata contenuta. Nonostante si sia alzato, il VIX non è riuscito a superare il massimo di giugno.

indice volatilità VIX nessun segno capitolazione

Il sentiment azionario è rimasto stabile a settembre anche se l’indice S&P 500 ha subito il peggior calo mensile da marzo 2020. Il Sell Side Indicator di Bank of America che traccia mensilmente il sentiment di Wall Street nei confronti delle azioni statunitensi sulla base delle raccomandazioni di asset allocation fornite alla banca e a Bloomberg, è rimasto sostanzialmente piatto a settembre al 53,6% nonostante il sell off del 9% dell’S&P 500. L’indicatore è attualmente in territorio “neutrale”.

sentiment mercato azionario capitolazione

Non c’è nessun segnale di panico nemmeno negli spread creditizi. Lo spread tra le obbligazioni societarie con rating BBB e i Treasury a 10 anni, pur essendo in aumento, non ha raggiunto i picchi precedenti visti in prossimità dei minimi di mercato. I principali bottom di mercato degli ultimi decenni hanno visto questo spread aumentare oltre il 2,3%.

spread credito BBB no capitolazione
ARTICOLI CORRELATI:

Il mercato ribassista è finito?

Abbiamo già visto il bottom del mercato?

Tutto quello che devi sapere sui mercati ribassisti

I mesi migliori per il mercato azionario

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.