Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

Bull Run di Bitcoin: dovresti comprare sopra i 40.000 dollari?

Bitcoin è aumentato di oltre il 160% quest’anno. Martedì il token ha superato i 43.000 dollari, aggiungendo circa il 16%. L’ottimismo per ulteriori guadagni è alto. Stiamo assistendo a una bull run di Bitcoin oppure il prezzo del token è destinato a fermarsi?

La performance stellare arriva dopo un periodo turbolento. A seguito del crollo di FTX, il settore delle criptovalute ha subito un’ampia svendita lo scorso anno. Il CEO di FTX, Sam Bankman-Fried, è ora in prigione per frode. Binance e il suo fondatore Changpeng Zhao (CZ) si sono recentemente dichiarati colpevoli di violazioni delle leggi antiriciclaggio e delle sanzioni statunitensi.

Il token ha registrato una ripresa grazie alle aspettative che la Fed taglierà presto i tassi di interesse e alle speranze di una maggiore domanda da parte dei fondi negoziati in borsa. L’ultima volta che Bitcoin si è trovato a questo livello è stato 19 mesi fa, prima del collasso della stablecoin TerraUSD.

Il mercato crypto è ora in attesa dell’esito delle richieste da parte di aziende come BlackRock e Fidelity per lanciare i primi ETF spot su Bitcoin negli Stati Uniti. Secondo alcuni analisti, i fondi otterranno l’approvazione della Security and Exchange Commission entro gennaio.

Un altro fattore determinante per il prezzo di Bitcoin è l’halving, un evento che dovrebbe avvenire nel 2024. Andiamo a vedere quali sono le prospettive per il prezzo di Bitcoin!

Gli ETF spot e l’halving di Bitcoin

Un ETF spot di Bitcoin investirebbe direttamente nel token. Si tratterebbe di una novità assoluta per gli Stati Uniti, che ad oggi offrono ETF che investono in futures di Bitcoin piuttosto che nel mercato spot. Acquistando questo tipo di ETF, gli investitori otterrebbero quindi un’esposizione diretta all’attuale prezzo di mercato di Bitcoin. Gli ottimisti sostengono che la raffica di richieste di ETF spot è un segno che il settore sta maturando e che esiste il potenziale per una base di investitori più ampia per le criptovalute.

Un altro evento molto importante per Bitcoin è l’halving, che in italiano significa “dimezzamento”. Ogni quattro anni, più precisamente ogni 210.000 blocchi di transazioni, la formula che governa la velocità con cui vengono creati nuovi Bitcoin cambia. Si tratta in pratica di una riduzione pianificata delle ricompense che i minatori ricevono. Come suggerisce il nome, ogni halving riduce della metà la quantità di Bitcoin che i minatori ricevono per blocco.

Al lancio di Bitcoin nel 2009, i minatori hanno ricevuto 50 Bitcoin per blocco. Tale ricompensa è stata ridotta a 25 nel 2012 con il primo halving, a 12,5 nel 2016, a 6,25 token nel 2020 e dovrebbe scendere a 3,125 nel 2024. L’evento e fa parte del processo di limitazione dell’offerta di Bitcoin a un massimo di 21 milioni di token.

Bitcoin ha raggiunto record dopo ciascuno degli ultimi tre halving. Un certo numero di partecipanti al mercato si aspetta una bull run dopo l’halving di Bitcoin.

halving Bitcoin bull run 2024

Cosa dicono gli esperti sulla bull run di Bitcoin?

I dirigenti del settore delle criptovalute hanno definito l’inizio di una bull run di Bitcoin, con un numero crescente di voci che vedono il token sopra i 100.000 dollari nel 2024. Tutto è iniziato con Standard Chartered due settimane fa, che ha ribadito una previsione di aprile secondo cui Bitcoin avrebbe raggiunto i 100.000 dollari entro la fine del 2024. La banca ha affermato che ciò sarà guidato dall’approvazione di numerosi ETF.

Matrixport, che si autodefinisce una società di servizi finanziari crittografici, ha pubblicato una nota la scorsa settimana in cui prevede che Bitcoin raggiungerà i 63.140 dollari entro aprile 2024 e i 125.000 dollari entro la fine del prossimo anno. “Sulla base del nostro modello di inflazione, si prevede che il contesto macro rimarrà favorevole alle criptovalute. Prevediamo un altro calo dell’inflazione, che spingerà la Federal Reserve a tagliare i tassi di interesse”, ha affermato Matrixport nel suo rapporto. “In combinazione con le correnti geopolitiche incrociate, questa buona dose di sostegno monetario dovrebbe spingere Bitcoin a nuovi massimi nel 2024.”

Anche Michael Novogratz, fondatore e amministratore delegato di Galaxy Digital Holdings, prevede nuovi massimi per Bitcoin. Il token ha raggiunto un picco di quasi 69.000 dollari nel novembre 2021, prima di crollare del 64% lo scorso anno. Secondo Novogratz, gli ETF spot attireranno miliardi di dollari entro il primo anno, se non di più.

bull run Bitcoin

“Una volta eliminata la fase speculativa, che penso sia quasi finita, probabilmente non ancora del tutto finita, allora potremmo ottenere dei veri ‘costruttori’ concentrati sulla tecnologia e sui problemi che può risolvere nel mondo, piuttosto che avere semplicemente un gigantesco casinò digitale dove le persone possono fare trading”, ha dichiarato David Marcus, CEO di Lightspark la scorsa settimana.

Ovviamente non tutti sono fan delle criptovalute. Charlie Munger, vicepresidente di Berkshire Hathaway, morto la scorsa settimana all’età di 99 anni, ha definito Bitcoin “veleno nocivo” e ha avvertito che le risorse digitali sono “in parte frode e in parte illusione”. “È una pessima combinazione”, ha detto Munger in un’intervista del 2022 alla CNBC. “Non mi piacciono né la frode né l’illusione. E l’illusione potrebbe essere più estrema della frode”.

La convinzione che la Fed abbia finito di aumentare i tassi e la speculazione sui tagli potrebbero continuare ad alimentare gli asset rischiosi come le criptovalute. Ma un ripristino delle scommesse sui tassi potrebbe far deragliare Bitcoin. Inoltre, il rally di Bitcoin, che è in gran parte costruito sulle aspettative di un’approvazione degli ETF spot, potrebbe fallire se questi prodotti verranno nuovamente rifiutati dalle autorità di regolamentazione.

ARTICOLI CORRELATI:

Bitcoin: la notizia falsa sull’approvazione di un ETF spot fa oscillare il prezzo

Come comprare Bitcoin: guida per investire in BTC

L’approvazione di un ETF spot di Bitcoin è vicina?

Quanto vale Bitcoin? Le tecniche per dare un prezzo a BTC

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.