Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Il Sogno di un Atterraggio Morbido è in Pericolo

Nel tentativo di guidare l’economia americana verso una fase di espansione sostenibile, il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha perseguito la visione di un “atterraggio morbido”. Il sogno di un rallentamento dell’inflazione in parallelo con una crescita economica sostenuta sembra ora più distante. L’ultimo

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 28

cosa fa muovere wall street borsa europea settimana 25

La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Il raffreddamento dei dati sull’inflazione ha dominato la price action la scorsa settimana e ha scatenato una reazione accomodante nelle aspettative dei tassi della Fed, con un ultimo aumento pienamente scontato a luglio. Il mercato adesso sconta un taglio dei tassi a gennaio 2024.

Questa svolta accomodante ha fatto crollare il dollaro e salire tutto il resto. Nasdaq e Russell hanno sovraperformato durante la settimana. Tutti gli indici statunitensi sono stati significativamente più alti, con il Dow Jones e l’S&P 500 che hanno registrato guadagni superiori al 2%.

Le valutazioni delle tech sono tornate ai loro massimi e sono vicino ai massimi record rispetto al mercato più ampio.

valutazione mercato titoli tecnologici

I rendimenti dei Treasury sono scesi in modo significativo durante la settimana, con il segmento a lungo termine che ha sottoperformato. Tuttavia, venerdì c’è stata una notevole svendita di obbligazioni, con i rendimenti della “pancia” che hanno registrato un aumento di 8-12 punti base. La curva dei rendimenti (5s30s) si è notevolmente inclinata, arrivando quasi ad annullare l’inversione.

Il dollaro è crollato per 5 degli ultimi 6 giorni, registrando il secondo calo settimanale più grande da marzo 2020.

Le criptovalute sono salite sulla scia della vittoria di Ripple contro la SEC, ma venerdì hanno cancellato tutti i loro guadagni.

Ripple è rimasto in rialzo di oltre il 45% durante la settimana, ben al di sotto dei suoi massimi di giovedì. Bitcoin ha sfiorato i $ 32.000 per poi precipitare di nuovo a $ 30.000.

Il petrolio è uscito dal suo range di due mesi, scambiando sopra i 77 $.

L’inflazione negli Stati Uniti raggiunge il minimo in due anni

Il tasso di inflazione degli Stati Uniti è sceso al minimo di oltre due anni a giugno. Al 3%, l’indice dei prezzi al consumo è ora solo un terzo del livello raggiunto un anno fa. Anche la misura chiave dell’inflazione sottostante è stata al di sotto delle previsioni e ha registrato l’incremento più piccolo dal 2021.

inflazione USA rallenta giugno 2023

I costi delle abitazioni hanno contribuito per oltre il 70% all’anticipo mensile, mentre i prezzi delle tariffe aeree e delle auto usate sono diminuiti. I prezzi dei generi alimentari, che sono stati una delle principali fonti di tensione finanziaria per le famiglie americane, sono rimasti invariati rispetto al mese precedente.

Una misura attentamente osservata dei prezzi dei servizi, che esclude energia e abitazioni, è cambiata di poco rispetto al mese precedente. Rispetto a un anno fa, ha decelerato al 4%, l’aumento più piccolo dalla fine del 2021.

Per la Fed ci sono ancora motivi di preoccupazione. Per prima cosa, mentre l’inflazione si sta muovendo nella giusta direzione, la matematica ha fatto sembrare le ultime cifre migliori di quanto non siano in realtà. Gli “effetti base“, ovvero il confronto dell’indice dei prezzi al consumo con giugno 2022 – quando l’invasione russa dell’Ucraina aveva appena provocato un rapido aumento dei prezzi dell’energia – ha reso il rallentamento particolarmente drammatico.

È improbabile che una lettura del CPI migliore del previsto abbia una grande influenza sui funzionari della Fed. Parlando dopo la pubblicazione degli ultimi dati, il presidente della Fed di Richmond, Thomas Barkin, ha ribadito l’impegno della banca centrale a ripristinare la stabilità dei prezzi.

Altre buone notizie per chi è preoccupato per l’inflazione

Il giorno dopo l’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti, anche i prezzi alla produzione sono scesi al di sotto delle aspettative. L’indice PPI per la domanda finale è aumentato dello 0,1% rispetto all’anno precedente, l’aumento più piccolo dal 2020.

indice PPI USA giugno 2023

La normalizzazione delle catene di approvvigionamento globali, la stabilizzazione dei prezzi delle materie prime e uno spostamento della domanda dei consumatori verso i servizi e lontano dai beni hanno generalmente contribuito ad alleviare le pressioni inflazionistiche a livello dei produttori.

I costi dei servizi sono aumentati nonostante il forte calo dei costi di trasporto e di magazzinaggio. Sono aumentati anche i prezzi dei servizi di deposito, di viaggio e alloggio e dei servizi ai passeggeri delle compagnie aeree.

I costi delle merci sono diminuiti del 4,4% rispetto a un anno fa, il calo più grande in oltre tre anni. I prezzi del cibo sono scesi per il terzo mese consecutivo.

Escludendo le componenti volatili alimentari ed energetiche, il core PPI è salito a malapena da maggio ed è aumentato del 2,4% rispetto a un anno fa. Il guadagno annuale è stato il più basso da gennaio 2021.

Il ribilanciamento speciale del Nasdaq

Le megacap hanno alimentato sei mesi fantastici per il mercato azionario. La loro improvvisa rinascita dopo un terribile 2022, spinta in gran parte dalla frenesia per l’intelligenza artificiale, è stato il tema inaspettato dell’anno.

megacap rally ribilanciamento nasdaq

I sei maggiori membri del Nasdaq ora rappresentano oltre il 50% dell’indice. Tracciare il Nasdaq 100 significa quindi scommettere su una manciata di giganti della tecnologia. Tale ristrettezza riduce la diversificazione dell’indice a un punto in cui i suoi fornitori sono costretti ad agire.

Il Nasdaq ha annunciato un ribilanciamento speciale, che entrerà in vigore il 24 luglio, per affrontare l’eccessiva concentrazione nell’indice ridistribuendo i pesi.

E’ possibile richiedere ribilanciamenti speciali quando la parte rappresentata dai membri più grandi dell’indice – quelli che costituiscono il 4,5% o più – supera una soglia del 48%. I dati raccolti da Bloomberg il 3 luglio mostrano che il peso delle sei società ha raggiunto il 50,9%. Il documento sulla metodologia del Nasdaq implicherebbe quindi che l’influenza del gruppo debba essere ridotta al 40%.

Gli strateghi di Wells Fargo stimano che Starbucks, Mondelez, Booking Holdings, Gilead Sciences, Intuitive Surgical, Analog Devices e Automatic Data Processing vedranno aumentare il loro peso nell’indice Nasdaq 100. Nel frattempo, l’influenza di Microsoft, Apple, Nvidia, Amazon, Tesla, Meta Platforms e Alphabet si ridurrà.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 27

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 26

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 25

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 24

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.