L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 25

cosa fa muovere wall street borsa europea settimana 25
La tabella è da intendersi solo ed esclusivamente a scopo informativo e didattico. Nessuna informazione o dato in essa contenuti vuole essere un consiglio finanziario per il lettore, che declina l’autore da qualsiasi responsabilità.

Le azioni statunitensi hanno registrato la settimana peggiore da marzo, poiché è aumentata l’ansia che le banche centrali debbano continuare ad aumentare i tassi di interesse per contenere l’inflazione.

L’indice S&P 500 ha chiuso la settimana accorciata in ribasso dell’1,4%, mentre il Nasdaq 100 è sceso dell’1,3% poiché gli investitori hanno preso profitti dai nomi tecnologici vincenti dell’anno. I cali di Microsoft e Nvidia hanno pesato sugli indicatori.

Il rally azionario del secondo trimestre, alimentato dalla frenesia per i titoli di intelligenza artificiale orientati alla crescita, si sta logorando sotto la minaccia di ulteriori aumenti dei tassi e i timori che il pieno impatto economico della politica monetaria aggressiva debba ancora essere avvertito.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha smorzato l’umore la scorsa settimana quando ha affermato che gli Stati Uniti potrebbero aver bisogno di uno o due aumenti dei tassi in più nel 2023. Altri commentatori della Fed hanno respinto le speranze degli investitori per un taglio dei tassi quest’anno: “Sarei a mio agio con le informazioni che ho oggi restando esattamente dove siamo e rimanendo qui per il resto di quest’anno e per il prossimo”, ha detto il presidente della Fed di Atlanta Raphael Bostic a un evento venerdì.

I dati economici provenienti da Germania e Francia hanno acceso i timori di una flessione in Europa. Lo spread tra il rendimento dei Treasury a 10 e a 2 anni si è ampliato a oltre l’1%.

La preoccupazione per le prospettive economiche si è riflessa in una rotazione dalle azioni alle obbligazioni. Gli investitori hanno sottratto 5 miliardi di dollari dai fondi azionari globali nella settimana fino a mercoledì e hanno aggiunto 5,4 miliardi di dollari alle obbligazioni.

Il dollaro ha registrato la seconda settimana migliore da febbraio. Le materie prime sono state per lo più in ribasso a causa dei timori di recessione. Il petrolio è tornato sotto i 70 $ mentre l’oro è sceso al minimo di 3 mesi. Bitcoin è salito ai massimi di un anno.

La Bank of England sorprende con un aumento di 50 pb

La Bank of England ha inaspettatamente alzato il suo tasso di interesse di riferimento di mezzo punto percentuale, intensificando la sua lotta contro il peggior attacco di inflazione dagli anni ’80.

Il comitato di politica monetaria composto da nove membri ha votato 7-2 per un aumento al 5%, il livello più alto in 15 anni. I mercati avevano scontato solo il 40% di possibilità di un aumento di 50 punti base, con la maggior parte degli economisti che prevedeva un aumento di un quarto di punto.

I responsabili politici guidati dal governatore Andrew Bailey hanno ribadito le linee guida precedenti che puntavano verso tassi più alti. Non hanno detto nulla per frenare le aspettative del mercato per tassi che raggiungeranno un picco di circa il 6% all’inizio del prossimo anno.

“L’economia sta andando meglio del previsto, ma l’inflazione è ancora troppo alta e dobbiamo affrontarla”, ha detto Bailey. “Sappiamo che è difficile: molte persone con mutui o prestiti saranno comprensibilmente preoccupate di ciò che questo significherà per loro. Ma se non alziamo i tassi adesso, potrebbe andare peggio in seguito”.

Per i mutuatari, la mossa segnala ulteriori difficoltà. I tassi dei mutui a due anni sono triplicati a oltre il 6% da marzo 2022.

“Se dovessero esserci prove di pressioni più persistenti, sarebbe necessario un ulteriore inasprimento della politica monetaria”, ha scritto Bailey in una lettera al Cancelliere dello Scacchiere Jeremy Hunt. Il Regno Unito ha un’inflazione più elevata rispetto ai suoi principali pari, avendo sia problemi con il mercato del lavoro che con le catene di approvvigionamento.

inflazione regno unito aumento tassi sorpresa bank of england

Gli aumenti dei tassi echeggiano in tutto il mondo

La Bank of England non è l’unica banca centrale ad essere preoccupata per l’inflazione. Anche la Norges Bank e la Swiss National Bank hanno accelerato il loro inasprimento la scorsa settimana.

Svizzera Norvegia aumento tassi 50 punti base

La Norvegia ha alzato bruscamente le sue previsioni per il picco dei tassi, il che significa che probabilmente saranno necessarie ulteriori mosse per contenere l’inflazione, che è stata in parte alimentata dalla debolezza della corona.

In Svizzera, dove la cosiddetta inflazione core è ora addirittura al di sotto dell’obiettivo del 2%, i funzionari della SNB hanno ridotto la stretta con un movimento di solo un quarto di punto – l’aumento più piccolo finora – ma hanno avvertito che il loro lavoro non è finito.

L’inflazione dilagante vicino al 40% ha finalmente costretto la mano del presidente Recep Tayyip Erdogan a consentire l’inizio della stretta monetaria lo scorso giovedì. La banca centrale turca ha promesso un ulteriore inasprimento, ma ha avvertito che i passi futuri saranno graduali.

ARTICOLI CORRELATI:

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 24

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 23

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 22

Cosa fa muovere Wall Street e la Borsa Europea? Sintesi Macro – Settimana 21

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.