Cosa fa muovere i mercati? Sintesi Macro – Settimana 4

Wall Street ha ignorato le prospettive deludenti di alcune delle più grandi società tecnologiche del mondo, spingendo le azioni al rialzo sulla speculazione di piccoli aumenti dei tassi della Federal Reserve mentre l’inflazione mostra segni di allentamento. Il Nasdaq ha registrato la sua settimana migliore

Scopri

CPI di Agosto: cosa aspettarsi?

L’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti è da tempo il dato più importante per gli investitori. Visto che il mercato azionario è salito negli ultimi giorni, molti pensano che i dati del CPI di agosto che usciranno oggi mostreranno un continuo calo dell’inflazione e confermeranno che il picco è ormai stabilito.

L’S&P 500 ha esteso il rally della scorsa settimana, registrando il guadagno di quattro giorni più grande da giugno, con tutti gli 11 settori dell’indice che sono aumentati.

Dopo che i dati sul CPI usciti il 10 agosto hanno mostrato che l’inflazione statunitense è decelerata più del previsto, l’S&P 500 è salito brevemente verso la sua media mobile a 200 periodi. L’indice ha poi perso forza, non riuscendo a riconquistare quella soglia e subendo pressioni dopo il rally estivo.

Sembrerebbe che si stia diffondendo l’idea che il mercato possa continuare a salire se l’inflazione dimostrerà di andare nella direzione giusta. Anche se il picco dell’inflazione è stato probabilmente raggiunto, la chiave sta nella velocità con cui gli aumenti dei prezzi scenderanno. Dobbiamo quindi considerare il punto in cui la Fed vuole portare l’inflazione, che sappiamo essere il target del 2%, e il tempo che ci metterà per farlo, che invece rimane un’incognita.

I dati delle Fed regionali

I dati prodotti dalla Fed di New York sull’inflazione, che esaminano le correlazioni tra diverse componenti del CPI e anche tra alcune variabili macroeconomiche, mostrano una leggera riduzione della pressione sui prezzi.

CPI di agosto

La Fed di San Francisco ha creato due indici al fine di separare le componenti più influenzate dagli effetti della pandemia da quelli meno sensibili ad essa. La misura più influenzata dal Covid è in calo da diversi mesi e ha raggiunto il picco prima di quella meno sensibile.

CPI di agosto

Secondo gli ultimi dati della Fed di Atlanta, i salari sono ai massimi storici, ma il livello complessivo di crescita sembra essersi stabilizzato appena al di sotto del 7%. Anche gli aumenti salariali nel quartile più basso sono rimasti invariati dopo un’impennata impressionante.

Ad ogni modo, la pressione sui salari rimane troppo alta per la Fed, che deve cercare di evitare una spirale salari-prezzi. Questi numeri devono scendere in modo significativo prima che la banca centrale possa tranquillizzarsi.

CPI di agosto

Prove più forti che una spirale salari-prezzi potrebbe effettivamente essere evitata è arrivata dall’ultimo sondaggio della Fed di New York sulle aspettative dei consumatori. Dal sondaggio è emerso che le aspettative per l’inflazione a tre anni sono scese al di sotto dei livelli pre-pandemia, mentre quelle per il prossimo anno sono diminuite drasticamente da un livello molto alto.

CPI di agosto

Il pivot della Fed

Anche se un certo grado di ottimismo sull’inflazione è giustificato, è difficile pensare che la Fed sia vicina a fermarsi con gli aumenti dei tassi e che possa addirittura cominciare a tagliarli. Attualmente non c’è niente che possa dimostrare che l’inflazione stia chiaramente tornando all’obiettivo del 2%.

Il mercato azionario sta completamente ignorando uno degli indicatori chiave del mercato obbligazionario: il rendimento reale. Il rendimento dei TIPS a 10 anni si trova a un nuovo massimo per questo ciclo. Si sta avvicinando all’1%, il livello che ha spinto Jerome Powell a implementare il cosiddetto “pivot della Fed” alla fine del 2018, fermando il quantitative tightening e gli aumenti dei tassi d’interesse.

rendimenti reali in aumento

Al contrario di quanto si potrebbe pensare, il pivot del 2018 ha innescato un brutto sell off del mercato azionario. Ciò ha convinto la Fed che le condizioni finanziarie fossero troppo rigide per essere sopportate dal mercato.

Le aspettative del mercato

Nel frattempo, gli speculatori nel mercato dei future dei fed funds si aspettano che la Fed raggiunga un picco del 4%. Questo è il suo massimo per il ciclo, con l’ultimo aumento che si è verificato quando il mercato azionario si stava rassicurando sul fatto che il picco dell’inflazione fosse stato raggiunto.

Nel frattempo, i trader si aspettano con una probabilità del 90% un altro aumento di 75 punti base alla riunione della Fed di questo mese.

Si prevede che i dati del CPI di agosto mostreranno che l’inflazione headline è scesa a un ritmo dell’8% annuo, mentre il core CPI che esclude cibo ed energia è visto in accelerazione.

Alcuni indicatori del mercato obbligazionario statunitense suggeriscono che gli investitori stanno acquisendo fiducia sul fatto che l’inflazione sarà tenuta sotto controllo. Il costo della copertura dell’inflazione è diminuito. Allo stesso tempo, sono diminuiti anche i cosiddetti tassi di pareggio sui titoli protetti dall’inflazione.

CPI di agosto

Secondo gli economisti l’inflazione sta raggiungendo il picco e la tendenza dovrebbe cambiare verso una chiara traiettoria discendente nel quarto trimestre del 2022 e nel 2023.

La maggioranza dei contratti futures su materie prime sono tutti inferiori a quelli spot, segnale che va a favore delle argomentazioni riguardo al picco dell’inflazione.

ARTICOLI CORRELATI:

A che punto si trova Powell nella sua lotta contro l’inflazione?

La strada per il ritorno dell’inflazione al 2% non è spianata

Il picco dell’inflazione? Il CPI di luglio è inferiore alle aspettative

Inflazione statunitense al 9,1%

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.