L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

La dipendenza dal quantitative easing è difficile da eliminare anche quando l’inflazione è elevata come quella di oggi

Il recente intervento della Bank of England per domare il caos sui mercati ci ricorda che la dipendenza dal quantitative easing è difficile da eliminare. L’acquisto di obbligazioni su larga scala, comunemente associato a una bassa inflazione, dovrebbe essere impensabile con l’aumento dei prezzi di oggi. Eppure, il QE è stato l’unica soluzione che la BOE è riuscita a trovare.

Quello che sembrava un programma temporaneo per risolvere i problemi del Giappone post-bolla, della crisi finanziaria globale e della crisi del debito in Europa continua ad essere lanciato anche in mezzo all’inflazione dilagante.

Il potenziale di un’interruzione nel commercio di titoli del Tesoro USA sta preoccupando gli alti funzionari. Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha reso pubbliche le sue preoccupazioni la scorsa settimana sulla liquidità dei Treasury. Se qualcosa in questo mercato dovesse andare storto, è molto probabile che la Fed interverrà.

La dipendenza dal quantitative easing

Guardare la BOE entrare e calmare il mercato ci porta a ricordare un messaggio potente di Raghuram Rajan, un ex governatore della Reserve Bank of India, in una conferenza un anno fa. L’inflazione stava cominciando a crescere in tutto il mondo e le banche centrali stavano valutando come iniziare a sciogliere con tanta delicatezza le ingenti somme immesse nel sistema finanziario durante la pandemia. Rajan ha affermato a un panel che gli acquisti di asset erano come “un vortice”, in cui è facile cadere, ma molto più difficile da sfuggire.

In quel periodo, la Fed stava iniziando a segnalare una riduzione degli acquisti di obbligazioni e successivamente si sarebbe mossa più velocemente del previsto verso gli aumenti dei tassi di interesse. La Reserve Bank of Australia si stava preparando a rinunciare agli sforzi per sopprimere i rendimenti obbligazionari, la Bank of Korea e la Reserve Bank of New Zealand stavano già aumentando i tassi e la BOE si stava preparando a farlo.

Implementate per evitare che una crisi di salute pubblica si trasformasse in una calamità economica, le cosiddette politiche non convenzionali sono state accusate di esacerbare l’aumento dell’inflazione.

Secondo Rajan, il processo è semplice: durante il QE, le banche centrali acquistano obbligazioni ed espandono i loro bilanci. Quando l’economia si è ripresa ed è ora di allentare lo stimolo, le banche centrali fanno semplicemente il contrario e rilasciano le obbligazioni sul mercato (quantitative tightening).

Fornire liquidità in tempi difficili ha perfettamente senso, ma il settore privato si abitua. Il quantitative easing è una droga che crea dipendenza e spesso le banche centrali sono costrette a tornare indietro.

Il QE in passato

Un tempo considerato un programma esotico appartenente al Giappone, il QE è stato dispiegato dalla Fed durante la crisi finanziaria globale del 2007-2009. È stato utilizzato anche dalla BOE e dalla Banca Centrale Europea. Il QE è diventato uno strumento legittimo che è sempre lì a disposizione; nessuna banca centrale rischia di precluderne l’uso futuro, non importa quanto possa essere incolpata nell’attuale ciclo economico per aver contribuito a livelli di inflazione molto più elevati.

Una delle caratteristiche distintive del QE non riguarda solo gli acquisti di obbligazioni, di per sé. Si tratta di segnalare che i tassi d’interesse rimarranno bassi per un bel po’. L’effetto è più potente se abbinato a una forward guidance che si impegna a una politica facile il più a lungo possibile. Questo è stato il caso dopo il crollo di Lehman Brothers e durante gran parte della pandemia.

L’esempio della Bank of England

L’intervento della Bank of England nelle ultime settimane per arrestare il crollo dei gilts dopo l’annuncio di un pacchetto fiscale non finanziato del governo, sebbene sia stato pubblicizzato come un esercizio per ripristinare la stabilità finanziaria, ha messo la banca centrale in una posizione precaria.

quantitative easing emergenza bank of england

La BOE si è impegnata ad aumentare il tasso di riferimento per reprimere l’inflazione e potrebbe farlo in modo drammatico anche alla prossima riunione del suo Comitato di politica monetaria. D’altra parte, impegnandosi nel quantitative easing, seppur di tipo emergenziale e di breve durata, ha perseguito una politica legata ai rischi di deflazione. E dopo essere intervenuta una volta, non si può escludere che succederà di nuovo.

Il ritiro dallo stimolo post-pandemia

A causa delle preoccupazioni per un “taper tantrum“, come quello verificatosi nel 2013, i funzionari hanno aspettato troppo a lungo per districarsi dal QE. Il conseguente rapido inasprimento, il più rapido da decenni, sta creando enormi tensioni nell’economia globale. Secondo quanto scontato dal mercato, la dislocazione economica costringerà molte banche a tagliare i tassi nel 2023.

Ma con l’inflazione ai livelli più alti degli ultimi quattro decenni e i funzionari che si affannano per affermare i loro atteggiamenti da falco, l’asticella del QE sarà stata alzata molto più in alto? Non necessariamente.

Il mese scorso la RBA ha rilasciato una revisione del suo programma di QE. Pur trovando alcuni vantaggi in un allentamento su larga scala, la banca ha concluso che l’adozione di politiche non convenzionali è la cosa migliore solo in circostanze estreme.

Anche nell’era del ritiro dello stimolo pandemico, la dipendenza dal quantitative easing è ancora viva e vegeta. La banca centrale dell’Indonesia sta vendendo banconote a breve termine per aumentare i rendimenti e rendere il suo debito più attraente, acquistando al contempo obbligazioni a scadenza più lunga per ridurre i costi di finanziamento per il governo. La Reserve Bank of India ha intrapreso un programma simile.

ARTICOLI CORRELATI:

Nuovo intervento della Bank of England nel mercato dei gilts: il piano di emergenza si avvicina al termine mentre esplode il caos

Quanto può durare il Quantitative Tightening?

Cos’è il Quantitative Tightening?

I possibili effetti del quantitative tightening

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.