Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

I maggiori rischi economici per il 2023

È stato un anno infelice per l’economia globale ma le cose possono sempre peggiorare. I rischi economici per il 2023 potrebbero già essere qui.

La storia ci dice che i rapidi aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve potrebbero portare gli Stati Uniti in recessione. La crisi energetica potrebbe fare lo stesso per l’Europa. Allo stesso tempo, il Covid e la crisi immobiliare minacciano di portare l’economia cinese a un punto morto.

In uno scenario pessimista, tutte queste cose accadono contemporaneamente. Nello scenario ottimistico, la Fed porta a termine l’atterraggio morbido, il clima caldo risparmia l’Europa e la Cina opta per un’uscita completa dal Covid Zero.

Il denaro “facile”, la domanda della Cina e la geopolitica a basso attrito sono stati gli ingredienti che hanno prodotto decenni di crescita per lo più costante e prezzi stabili. Adesso, questi presupposti non ci sono più.

Ecco quali sono i maggiori rischi economici per il 2023.

Tassi d’interesse elevati

Secondo le ultime proiezioni, i tassi di interesse della Fed raggiungeranno il 5,1% all’inizio del 2023, da zero all’inizio di quest’anno. La stretta monetaria più aggressiva degli ultimi decenni sta già danneggiando l’economia americana e quella mondiale.

previsioni tassi Fed 2023

Con costi di indebitamento più elevati che martellano le industrie sensibili ai tassi, dal settore immobiliare alle automobili, le probabilità di una recessione negli Stati Uniti nella seconda metà del 2023 sono altissime. Più di 2 milioni di americani potrebbero perdere il lavoro.

Se l’inflazione scomparisse rapidamente, le cose potrebbero andare meglio ma è più probabile che vadano peggio. La pandemia ha sconvolto i mercati del lavoro, spingendo quello che gli economisti chiamano il tasso naturale di disoccupazione al di sopra del livello degli ultimi anni. Ciò potrebbe costringere la Fed ad alzare i tassi più del previsto.

Il rischio è condiviso da tutto il mondo, poiché la maggior parte dei paesi condivide il problema dell’inflazione e le loro banche centrali stanno intraprendendo lo stesso percorso per risolverlo.

Il debito pubblico alle stelle

Finché i tassi di crescita sono stati superiori ai costi di indebitamento, il debito pubblico è stato conveniente e i governi lo hanno accumulato. Il totale dovuto dalle economie sviluppate del Gruppo dei Sette è salito quest’anno al 128% del PIL, dall’81% del 2007.

rischi economici 2023: debito pubblico

Ora, con il rallentamento delle economie e l’aumento dei tassi di interesse, il calcolo sta cambiando. Diverse grandi economie potrebbero trovarsi su una traiettoria del debito insostenibile a meno che non effettuino aggiustamenti fiscali dolorosi.

In Italia i costi del servizio del debito dovrebbero salire al 7% del PIL entro il 2030, dal 3% nel 2019. Forse il default sarà evitato. Tuttavia, questo risultato potrebbe richiedere una soluzione a livello europeo.

I mercati obbligazionari del Regno Unito si sono ritirati dall’orlo del baratro dopo il piano fiscale dell’ex primo ministro Liz Truss. Ma colmare il divario nelle finanze pubbliche e preservare la credibilità richiederà un periodo di dolorosa austerità di bilancio.

Gli Stati Uniti non sono esattamente nella stessa categoria ma un incombente dibattito sul tetto del debito manterrà l’attenzione dei mercati.

In Giappone, il governatore della banca centrale Haruhiko Kuroda terminerà il suo mandato ad aprile. Il suo successore deve affrontare una scelta difficile: restare con soldi a buon mercato, rischiando un ulteriore crollo della valuta, o seguire la Fed e destabilizzare uno dei paesi con il debito più alto del mondo.

In alcuni mercati emergenti il ​​dilemma è più acuto. Lo Sri Lanka ha seguito Libano e Zambia con uno storico mancato pagamento. Almeno per ora, il problema appare contenuto. Secondo i modelli di Bloomberg, i rischi di insolvenza dei mercati emergenti sono molto più bassi ora di quanto non fossero negli anni ’80 e ’90 e sono concentrati nelle piccole economie che rappresentano solo il 3% del PIL globale.

La Turchia potrebbe essere un’eccezione. Le elezioni di giugno probabilmente indurranno il presidente Erdogan a perseguire politiche poco ortodosse per alimentare la crescita, con la sostenibilità del debito a pagarne il prezzo.

Il rallentamento del mercato immobiliare

Il Canada e la Nuova Zelanda sono in cima alla lista dei paesi in cui il mercato immobiliare è più a rischio, in base a metriche come il rapporto prezzo/reddito. Gli Stati Uniti non sono in cima alla classifica del rischio, ma non sono lontani. Ci vorrà un calo del 15% dei prezzi a livello nazionale per portare le rate del mutuo in linea con i redditi delle famiglie.

I problemi della Cina

Per la Cina, l’ipotesi di base è che la riapertura dell’economia – un processo che è già iniziato e che probabilmente prenderà slancio dopo il Congresso nazionale del popolo di marzo – compenserà la crisi del settore immobiliare, con un effetto netto di crescita leggermente più forte.

Il modo in cui il governo porrà fine alla politica Covid Zero rimane poco chiaro. Secondo i calcoli di Bloomberg Economics, la costruzione di immobili deve diminuire del 25% per riallinearsi con la contrazione dell’offerta.

Inoltre, l’imminente ritiro di alti funzionari economici potrebbe lasciare il presidente Xi Jinping con una squadra a corto di esperienza nella lotta alle crisi.

Il fallimento su entrambi questi fronti potrebbe portare la crescita cinese fino al 2,2%. Se il crollo delle proprietà sfociasse in una crisi finanziaria, quel numero sarà troppo ottimistico.

Le tensioni geopolitiche

L’ultimo pezzo del puzzle dei rischi globali per il 2023 è la polarizzazione del mondo in campi rivali. Il sostegno all’Ucraina dopo l’invasione russa ha lasciato l’Europa con carenze di gas naturale e prezzi dell’energia in aumento.

Con un po’ di fortuna e abilità politiche, l’Europa potrebbe evitare una recessione. Senza nessuno dei due, l’economia potrebbe precipitare in una contrazione paragonabile a quella osservata nella crisi finanziaria globale.

La situazione di stallo con la Russia che ha lasciato l’Europa a corto di energia è solo un esempio di frattura geopolitica. Anche le relazioni tra Stati Uniti e Cina continuano a deteriorarsi.

Il presidente Joe Biden ha mantenuto le tariffe imposte dal suo predecessore Donald Trump e ha fatto un ulteriore passo avanti con un embargo sulle vendite di semiconduttori all’avanguardia.

La frattura dei legami commerciali è un freno alla crescita in entrambi i paesi, con la Cina che ne paga il prezzo più alto. Taiwan è il punto critico della tensione tra i due Stati.

ARTICOLI CORRELATI:

Il rischio per il sistema finanziario derivante dai derivati valutari

I rischi sistemici dello Shadow Banking system: perché dovresti conoscere le dinamiche “ombra”

La relazione tra politica monetaria e stabilità finanziaria: l’inasprimento delle banche centrali può essere rischioso

Quali sono i rischi di un inasprimento monetario eccessivo?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.